I 400 MT OSTACOLI

400 MT OSTACOLI

I 400hs sono una disciplina, maschile e femminile, dell’atletica leggera, e sono una competizione del programma olimpico.
Come per le gare con hs più veloci, gli ostacoli sono 10 ma, ovviamente, essendo la distanza da percorrere di 400 metri, sono disposti a distanze maggiori:

  1. Il primo ostacolo è posto a 45 metri dalla linea di partenza;
  2. I successivi 9 ostacoli sono posti a 35 metri l’uno dall’altro;
  3. Il traguardo è a 40 metri dall’ultimo ostacolo.

Anche le altezze degli ostacoli sono inferiori rispetto ai 110hs e ai 100hs, e per questa caratteristica è solito definirli, in gergo tecnico “ostacoli bassi”:

  • 0,762 metri per le donne;
  • 0,914 metri per gli uomini.

Anche in questa gara la partenza avviene dai blocchi di partenza, e dovendo percorrere 400 metri, è nella stessa posizione dei 400 metri piani, e avviene su piani sfalsati. Anche qui gli atleti devono restare, pena la squalifica, nella propria corsia per tutta la durata della gara. Qui il regolamento delle gare ad hs.

Tecnica e ritmica di corsa nei 400 mt ostacoli

Dal punto di vista tecnico, la gara dei 400hs ha dei punti in comune con le gare di “ostacoli alti”:

La tecnica di passaggio è la medesima, anche se la parabola di volo è diversa, in quanto l’altezza delle barriere è minore.

La distanza tra gli hs nettamente maggiore rispetto alle gare con hs più corte, invece, porta ad avere una ritmica diversa:

  • Se per gli “ostacoli alti” la ritmica tra una barriera e l’altra è sempre di 3 passi, nel giro di pista con hs la ritmica è variabile alla velocità di gara e alle caratteristiche dell’atleta;
  • Dalla partenza al primo ostacolo il numero di passi dipende dalla ritmica che si terrà poi tra gli altri ostacoli, e varia da 20-21 (23-24 per le donne) per i migliori atleti , fino a 22-24 (24-26 al femminile) passi per i principianti;
  • Tra gli ostacoli varia dai 13 ai 14 (15-16 al femminile) passi per gli atleti di vertice, a passi per i principianti;
  • Tra gli ostacoli è spesso utilizzata, oltre alla ritmica dispari (che prevede il passaggio di prima gamba sempre con lo stesso arto), anche una ritmica pari nella quale la prima gamba viene alternata ad ogni barriera (dx-sx-dx-sx);
  • Fattore importante che influisce sulla ritmica tra gli ostacoli è la fatica che l’atleta trova da 3/4 di gara in poi: come per un 400 metri piani, la velocità degli ultimi 100 metri decresce fisiologicamente e quindi anche la ritmica di corsa può avere una variazione (soprattutto tra i principianti), per questa ragione è molto frequente assistere ad un certo momento della gara ad un cambiamento della ritmica (deciso in allenamento), per non farsi trovare impreparati;
  • Anche la tecnica di passaggio degli ultimi ostacoli risulta “sporcata” dall’insorgere dei sintomi dell’accumulo di lattato, che rende la coordinazione dei movimenti più difficoltosa.

400hs allievi

400hs allievi

 

Per queste ragioni è importante preparare l’atleta a correre con varie ritmiche di corsa, e ad attaccare l’ostacolo con entrambi gli arti.

Molto importanti anche gli allenamenti di corsa con ostacoli in situazione di “pre-affaticamento” (es. 200 metri con hs dopo aver corso un 300 in piano).