Stefania a Barça: tamburello, asta in piazza, musica e divertimento!

12021738_10206759891909544_1250964402_n

Seconda puntata del “Diario di viaggio di Stefania”, dove l’amica Stefania Brunazzi ci racconta la sua avventura a Barcellona, dove si trova per affrontare 6 mesi di Erasmus all’Instituto Nacional de Educación Física de Cataluña (la nostra Scienze Motorie).

 

Barcellona, 13-09-15

Con l’arrivo di settembre è finita la sensazione di vacanza ed è arrivata la vita reale che mi ha travolto e, senza nemmeno accorgermene, tra il corso di catalano, le serate e gli allenamenti, mi sono ritrovata iscritta ad un torneo internazionale di tambeach a Villanova, alla gara della Milla del Drac a Poblenou e ad una competizione di salto con l’asta in piazza a Tarragona, tra l’altro con atleti non da poco come Igor Bychkov, Aleix Pi, Marta Cot, Raquel Cosme, Alvaro Ratia….

 

COd63

 

Cominciando la pretemporada mi è capitato di fermarmi in spiaggia dopo gli allenamenti e di vedere questo gioco a me sconosciuto, che poi ho scoperto che deriva proprio dal mio Paese: il tambeach o tamburello. Guarda te se dovevo venire a Barcellona per scoprire questo divertentissimo sport!

Subito ho voluto provare a giocare e da lì è cominciato tutto: una ragazza mi ha detto che mancava una persona nella squadra e, dato che non avevo nulla da fare, ho accettato di partecipare al suo posto. Sono stati tre giorni veramente intensi e divertenti!

Ho conosciuto un sacco di gente di tutta Europa, fatto festa, dormito in tenda in un campo di atletica e sono tornata a casa con un invito ad una gara, tanti amici nuovi e un lavoro. Parlando con una ragazza che insegna ginnastica ritmica ho scoperto che aveva bisogno di un’assistente e…taac: lavoro trovato!

 

27
Stefania, durante il torneo di Tambeach!!

 

Ho visto come si organizza un torneo internazionale perché i ragazzi che mi hanno invitato a giocare facevano parte della federazione e li ho aiutati ad organizzare e preparare il torneo, inclusi campi, premiazioni e cena…mi sembrava tutto normale perché è stato come quando organizziamo le gare di atletica al nostro campo di Nave…dopo due giorni di tornei e festa ci conoscevamo tutti ed eravamo come una grande famiglia. Abbiamo cenato in spiaggia, ballato e cantato canzoni catalane e dormito tutti in tenda.

Ecco la canzone finale del torneo di Tambeach:

 

Mi sono buttata anche se non conoscevo nessuno perché sono convinta che tutte le persone che fanno e amano lo sport  sono tutte gentili, con la mentalità aperta, simpatiche e volenterose, e infatti così erano. Perché lo sport ti insegna a convivere con le persone, ad accettare le sconfitte, a vincere con eleganza e divertirti in ogni caso……erano tutti così rilassati e felici che ancora adesso sto sorridendo nel scrivere questo articolo!

Questo weekend invece sono andata a Tarragona, bellissima città romanica a sud di Barcellona, nella quale hanno avuto luogo in una piazza l’esibizione del salto con l’asta e del salto in alto in preparazione dei giochi del mediterraneo del 2017. Terragona2017

 

1185202_221138768042721_950308222_n

 

In realtà l’idea era di andare solo a vedere i l’esibizione, ma sono stati talmente gentili che mi hanno permesso di partecipare anche senza iscrizione. Direi che come primo giorno di “tecnica” in Spagna non poteva andarmi meglio.

È stata una giornata veramente spettacolare: nelle strade c’era festa da tutte le parti, gente che faceva i castelli umani, vari concerti, e bande che passavano per la strada suonando i tamburi…la cosa che mi è piaciuta di più è stata che alla fine dell’esibizione sono state date agli atleti delle cartoline con sopra le oro foto da firmare per il pubblico, e poi siamo andati tutti insieme a cena per salutarci. E’stato un vero piacere conoscere queste persone e gareggiare insieme a loro!!!!

Stefania

 

La prima puntata di “Stefania a Barça”:
Stefania: a Barcellona per studiare ed allenarmi!!

 

Ti è piaciuto? Condividilo...
43
Ti è piaciuto? Condividilo...
43