Maurizio Riccitelli: che emozioni la nazionale azzurra di 100km

Podio mondiale maschile

MONDIALI E EUROPEI 100 KM   WINSCHOTEN  (NL) – 12 SETTEMBRE 2015 – 100 km , l’anno di bronzo e d’argento Italiano; c’è un Italia che corre e vince, un Italia che corre forte. È quella dell’ultra-maratona, la scuola tricolore è oramai diventata un riferimento internazionale ma soprattutto una presenza forte e un fiore all’occhiello della Federazione Italiana di Atletica leggera.

Strepitoso è il risultato conseguito dagli azzurri ai recenti Campionati Mondiali e Europei, disputati a Winschoten, in Olanda, ben 4 le medaglie conquistate.
Il romano Giorgio Calcaterra si è riconfermato ad altissimi livelli, classificandosi terzo assoluto con il tempo di 6h36’ un podio che gli consegna la medaglia di bronzo Mondiale e Europeo.
Ancora più prestigioso il risultato conseguito dal Team Maschile (ben 4 personal best), grazie alle prestazioni di Hermann Achmuller 14° in 6h54’, Andrea Zambelli 23° in 7h, Silvano Beartici 27° in 7h03’, Marco Ferrari 34° in 7h11’, Paolo Bravi 37° in 7h15’ conquistano un fantastico argento Mondiale e Europeo a squadre!

Podio Giogio 2
Giorgio Calcaterra sul 3° gradino del podio!

Sul fronte femminile è stato commovente l’impegno e la determinazione delle nostre quattro ragazze che hanno onorato al meglio la maglia azzurra con ben 2 personal best, Barbara Cimmarusti 14esima assoluta in 8h05’, Francesca Canepa 18esima in 8h14’, segue l’ottima performance di Elisabetta Albertini in 8h15’ e Cristina Pitonzo in 8h52’ per loro un onorevole 5° posto Mondiale e 4° Europeo, considerando l’assenza ultima e imprevista della nostra migliore atleta Monica Carlin.

Io e elisabetta 2
Elisabetta Albertini con coach Maurizio Riccitelli!

 

È stato il successo di un intero team, la logica migliore e vincente sta nel valorizzare tutte le figure professionali con il forte coinvolgimento di tutti, uno staff di primissimo ordine, massaggiatori, alimentarista, psicologo, atleti, tecnici e dirigenti, professionalità e competenza hanno generato una crescita interiore e una cultura del lavoro di gruppo. Determinanti sono stati i fattori motivazionali che assumono una sempre maggior rilevanza prestazionale all’interno di questa disciplina.

 

Pochi istanti prima della partenza cerco i loro sguardi, poche parole e una carezza al cuore, il patto di onorare la maglia azzurra, solo cosi sarà una “vittoria ottenuta con il cuore”,….. poi lo strart ha dato il via al susseguirsi di emozioni……, sino a quando il mio sguardo cerca li in fondo tra due ali di gente le nostre maglie bianche che diventano sempre più azzurre, si mescolano con lo sventolio del tricolore, in un istante arriva lui tra la sua gente è l’ abbraccio di un campione, Giorgio Calcaterra.

 

Intanto esce il sole, ma è notte fonda per tutti o quasi,  il susseguirsi di arrivi “tra le mie braccia” sancisce l’argento Mondiale e Europeo a squadre maschile.
Il resto è un podio colmo di emozione che mi resta dentro e mi toglie il sonno…. ma è già il tempo di tornare alla realtà della mia città….., tra la mia gente!

 

Un pensiero speciale va a tutti coloro che per vari motivi non hanno potuto condividere con noi queste indelebili emozioni, il riferimento a quei atleti che per un nulla sono rimasti fuori dalle selezioni, ragazzi credeteci ancora!!
Sento inoltre il dovere di una dedica particolare che accomuna tutti noi, va ai nostri tanti tifosi che ci hanno sostenuto davvero con tanta passione e trasmesso l’orgoglio di rappresentare un paese intero!  

 

Il Coach
Maurizio Riccitelli

 

Ti è piaciuto? Condividilo...
300
Ti è piaciuto? Condividilo...
300