Lateralità: i test per trovarla (video)

lateralità_ilcoach

Proseguiamo il discorso iniziato sulla lateralità con un video illustrativo di alcuni semplici test da campo che possono darci alcune informazioni relative alle preferenze dei nostri atleti in relazione a questo aspetto.

Ricordiamo che la lateralizzazione è un fenomeno che tende a stabilizzarsi molto tardi, più o meno quando i nostri allievi sono nella categoria ragazzi e che, per questa ragione, è del tutto normale attendersi dai giovanissimi risultati discordanti.

Come accade per ogni altro test per essere giudicato attendibile, anche questi devono essere verificati varie volte, cercando di limitare al massimo tutti quei fattori esterni che ne falsano la veridicità.

In considerazione della plasticità  dei sistemi che regolano il controllo del movimento umano e che hanno un effetto anche sulla dominanza laterale, non sembra sciocco pensare che anche questo tipo di test possa essere ripetuto nel corso degli anni.

È ragionevole pensare  infatti che l’allenamento come la vita quotidiana, possano provocare degli adattamenti, provocando una cosiddetta lateralizzazione in grado di modificare le tendenze naturali dell’individuo.

A titolo esemplificativo riportiamo l’esperienza di Stefania (la protagonista dei nostri video), saltatrice con l’asta mancina che due anni fa presentava una lateralità mano piede omogenea con preferenza sinistra.

Tale situazione come noto è problematica, poiché il gesto tecnico del salto con l’asta impone ai mancini lo stacco sull’arto destro e, viceversa, ai destrimani sul sinistro.

La scelta di compromesso di Stefania, in questo caso a favore della mano, è stata sufficiente a modificare le sue preferenze, e questo nonostante un’attività svolta con finalità prevalentemente ricreativa ed, oltretutto, iniziata dopo i 21 anni di età.

In occasione dei nostri test ha infatti trovato “naturale” staccare nel salto in lungo usando la gamba destra in luogo della sinistra, preferita invece quando aveva deciso di provare a diventare un’astista.

Accanto ai test che proponiamo ce ne sono infiniti altri.

Per fare solo alcuni esempi, possiamo individuare il piede preferito del nostro atleta osservandolo mentre si infila i calzoncini della tuta o intuire quale sia il suo senso di rotazione facendo attenzione al lato che sceglie quando deve passare attraverso un varco stretto. Per quanto riguarda le mani soltanto il chiedere di battere le mani può essere utile per trovarne la lateralità (la mano che sta sopra..)

È abbastanza ragionevole pensare però che i test del nostro video abbiano un’attinenza maggiore rispetto all’attività di gara, rispetto a parecchi altri probabilmente più utili a diversi scopi di indagine.

Ricordiamo a tal proposito che non è raro trovare nello stesso soggetto strategie laterali diverse a seconda del compito proposto.

Abbiamo poi mostrato alcuni gesti tecnici completi propri dell’attività di gara con lo scopo di sollecitare i tecnici ad una riflessione su quanto il tipo costellazione laterale del nostro atleta sia importante nelle specialità dell’atletica.

La scelta di mostrarli per ultimi non è stata casuale.

Riteniamo infatti che sia più logico un approccio che parta dall’ atleta ed arrivi alla specialità e non viceversa.

Rileviamo inoltre che quanto più un gesto è complesso tanto più può imporre al nostro atleta delle scelte di compromesso.

Con questo proposito abbiamo mostrato il getto del peso con ruota su una mano, nonostante questa tecnica acrobatica sia oggi vietata dal regolamento.

In questo caso è risultata interessante la scelta Stefania (confermata dai risultati dei suoi lanci) di sacrificare la mano di lancio, diventando per l’occasione destrimane.

Infine, ringraziando Stephen e Stefania per la preziosa collaborazione, rileviamo come l’esecuzione dei gesti tecnici mostrati nel video, non sia esente da difetti ed errori che con entusiasmo, impegno ed intelligenza, saranno sicuramente in grado di correggere e perfezionare nel prosieguo della propria attività.

A cura di Andrea Uberti

Ti è piaciuto? Condividilo...
44
Ti è piaciuto? Condividilo...
44