La prevenzione degli infortuni sportivi

Figura: schematizzazione dei sottogruppi di lesione muscolare indiretta

La prevenzione è l’insieme di azioni finalizzate a ridurre il rischio, ossia la probabilità che si verifichino eventi non desiderati.

Per lo sportivo l’infortunio è sicuramente uno degli eventi meno desiderabili in assoluto. Ma nonostante ciò si tratta di un evento molto rischioso per ogni atleta.

Lo sport agonistico infatti è una attività che possiede in se molti rischi, questo perché ci obbliga a richiede il massimo esprimibile al nostro sistema di movimento.
Tutti i nostri apparati vengono portati all’esasperazione per poter raggiungere la prestazione voluta, questo porta in automatico ad un aumento del livello di rischi.
Facendo un parallelismo con l’automobilismo, la formula 1 che è uno strumento esasperato per gareggiare, si rompe più facilmente delle nostre utilitarie.

 

Cos’è l’infortunio sportivo?

Possiamo dire che gli infortuni sportivi sono tutti quegli eventi che destabilizzano lo stato di salute dell’atleta (è tutto ciò che limita la possibilità di gareggiare o di allenarsi come programmato), anche se a volte si pensa ad essi solo quando si parla di eventi gravi che comportano un allontanamento prolungato dell’atleta dai campi di gioco e di gara, mentre non vengono in mente quelle singole sedute di allenamento saltate per colpa di quel dolore o di quel malessere temporaneo dell’atleta.

In un’infografica trovata sul web, pubblicata dal magazine Sempreattivi.it.  si parla di quelli che sono i traumi e gli infortuni più comuni nella pratica di sport particolarmente amati e praticati.

Si tratta di piccoli e grandi dolori che sentiamo prima, durante e dopo l’allenamento, importanti campanelli d’allarme del nostro corpo che ci consigliano di rivalutare il programma di allenamento che stiamo seguendo.Vediamo ora quali sono le principali cause dei traumi sportivi.

 

Principali cause degli infortuni sportivi

Gli infortuni sportivi possono essere classificati per evento causale:

  • Da trauma, esempio arrivo su materasso sbagliato o una chiusura di salto in lungo errata
  • Da contatto, causati dal contatto con un altro atleta oppure uno strumenti di gioco fermo (ostacolo) oppure mobile (disco)
  • Da non contatto, spesso sono problemi muscolari o distorsioni articolari
  • Da sovrallenamento, non confondetelo con il solo overtraining, cioè con un esagerazione della quantità di carico di lavoro, pensate anche quando un infortunio e causato da un allenamento svolto in maniera scorretta, non solo dal punto di vista quantitativo ma anche qualitativo, oppure da un allenamento programmato in maniera grossolana e senza tenere conto di tutti gli aspetti, questo può portare alla lunga ad un infortunio.

Secondo gli attuali dati in circolazione la maggior parte degli infortuni nei quali incappiamo più frequentemente sono da non contatto e da sovrallenamento.

Noi, come allenatori, per prevenire questi eventi, dobbiamo pensare a molti aspetti: una corretta programmazione del lavoro,una corretta alimentazione dell’atleta, una buona idratazione, ecc… gli aspetti sono cosi tanti che nessun allenatore può pretendere di tenerli tutti sotto controllo, per questo penso che un team di allenatori in grado di valutare aspetti diversi del singolo atleta sia nella condizione di poter prevenire spiacevoli inconvenienti.

Torna su

Sei interessato ad ulteriori contenuti sulla prevenzione degli infortuni sportivi?

Visita la nostra sezione “INFORTUNI

Terminologia e classificazione lesioni muscolari nello sport

La guarigione tissutale

Stretching: la nostra guida (con video)

Core training: la nostra guida (con video)

Rilascio miofasciale e foam roller. La nostra guida

Ti è piaciuto? Condividilo...
57
Ti è piaciuto? Condividilo...
57