Salto in lungo

salto in lungoIl salto in lungo è una specialità di salto sia maschile sia femminile dell’atletica leggera.

È un salto in estensione nel quale gli atleti, dopo una rincorsa, staccano sull’”asse di battuta”, cercando di atterrare il più lontano possibile nella buca riempita di sabbia.

La lunghezza del salto viene misurata dal limite di battuta, indipendentemente dal punto esatto dove l’atleta ha staccato.

 

 

Regolamento

Tutti i salti devono essere misurati prendendo come riferimento il segno lasciato dall’atleta in sabbia più vicino alla linea di stacco (o al suo prolungamento), lasciato da qualsiasi parte del corpo dell’atleta. La misurazione deve essere effettuata perpendicolare alla linea di stacco.

Il salto viene considerato nullo se:

  • l’atleta tocca il terreno oltre la linea di stacco con qualsiasi parte del corpo, sia correndovi sopra senza saltare che durante l’azione di salto;
  • l’atleta stacca al di fuori della corsia di rincorsa;
  • l’atleta durante la caduta tocca il terreno al di fuori dell’area di caduta in un punto più vicino alla linea di stacco della più vicina impronta lasciata dal salto nella zona di caduta;
  • l’atleta, dopo aver completato il salto, ritorna verso la zona di stacco;
  • l’atleta usa una qualsiasi forma di salto mortale.

La gara.

La competizione si divide in 2 fasi:

  • Qualificazione: nel corso della quale i vari atleti hanno a disposizione 3 salti per accedere alla fase successiva;
  • Finale: gli atleti hanno a disposizione altre 3 prove per migliorare la misura di qualificazione ed aggiudicarsi la gara.

Vince chi ottiene il salto più lungo tra qualificazioni e finali.

 

 

Caratteristiche del saltatore in lungo

Per praticare questa specialità l’atleta deve possedere:

  • Ottime basi di velocità;
  • Spiccata capacità di stacco (forza esplosiva);
  • Un rapporto peso/potenza vantaggioso;
  • Non occorrono struttura fisiche particolari per raggiungere risultati rilevanti.

 

 

I record

Gli attuali record mondiali sono detenuti da Mike Powell (USA) a livello maschile, con 8,95 m, ottenuto nella finale dei Campionati mondiali di Tokyo del 1991 e a livello femminile da Galina Čistjakova (Russia), che saltò 7,52m nel 1988.

A livello europeo il record maschile appartiene all’atleta armeno (ma ex sovietico) Robert Ėmmijan che a Cachkadzor 1987 ha saltato la misura di 8,86 metri.

In Italia il primato maschile è detenuto da Andrew Howe con la misura di 8,47 metri (Osaka 2007, Giappone), mentre quello femminile appartiene, con 7,11 metri, a Fiona May (Budapest ’98).

Tecnica nel salto in lungo

 

 

 

Bibliografia: http://it.wikipedia.org/wiki/Salto_in_lungo

“Correre, saltare, lanciare. La guida ufficiale IAAF per l’insegnamento dell’atletica”,Centro Studi & Ricerche della Fidal

Appunti dalle lezioni del Prof. Mazzaufo al corso allenatori 2014 a Formia

Ti è piaciuto? Condividilo...
0
Ti è piaciuto? Condividilo...
0