Corsa in montagna

La corsa in montagna è una specialità maschile e femminile dell’atletica leggera che si svolge in ambiente montano.

Ogni competizione, causa dell’estrema variabilità dei percorsi montani, ha le sue naturali e distinte caratteristiche di terreno. Le gare si svolgono prevalentemente su sentieri sterrati, erbose, spesso anche tra boschi.

Le gare di corsa in montagna devono prevedere tratti consistenti in salita. A volte sono presenti anche brevi tratti di strada asfaltata (non devono superare il 20% della lunghezza totale).

La pendenza media delle salite deve essere compresa tra il 5 e il 20% ed il punto più alto del percorso non deve superare i 3000 metri di quota.

La IAAF organizza ogni anno i Campionati mondiali ed europei che si svolgono a cadenza annua. In alternanza viene proposto un percorso di sola salita mentre l’anno successivo viene proposta la formula del percorso sali-scendi, su di un giro unico o su di un circuito da ripetere più volte.

 

Competizioni

Vi sono varie tipologie di corsa in montagna:

  • classica, prevede sia tracciati di sola salita sia tracciati di salita e discesa. La distanza consigliata durante le manifestazioni istituzionali, da regolamento, per la categoria seniores è di circa 12 km per gli uomini e di 8 km per le donne. Per la categoria juniores le distanze sono di a 8 km per i maschi e 4 km per le femmine, per gli allievi sono previste distanze pari a 5 e 3 km.
  • di lunga distanza, che prevede distanze comprese tra i 15 e i 42,195 km ed un’altitudine massima di 4000 m sul livello del mare;
  • staffetta;
  • a cronometro;
  • il chilometro verticale;

Per le gare internazionali (mondiali ed europei) sono previste 5 categorie:

  • M (maschile assoluti, oltre i 20 anni)
  • W (femminile assolute, oltre 20 anni)
  • U20M (sotto i 20 anni)
  • U20W (femminile, sotto i 20 anni)
  • Team (classifica per nazioni, per ogni categoria sopra elencata)

 

Ti è piaciuto? Condividilo...
0
Ti è piaciuto? Condividilo...
0