Uso antinfiammatori in caso di tendinite cronica

Nel corso della fase acuta di una tendinopatia/tendinite o di una lesione ai tessuti molli (muscoli e legamenti) il sanguinamento con successiva infiammazione giocano un ruolo importante come risposta dell’organismo a tale lesione.
Questo non avviene nelle tendinopatie croniche

Si definiscono tendinopatie croniche quelle che persistono per più di 6 settimane!

I fenomeni di sovraccarico (overuse) nelle tendinopatie croniche sono caratterizzati generalmente da tessuti con scarso apporto ematico (scarsa vascolarizzazione) e con collagene separato e degenerato, dove non è presente il classico apporto di cellulare e proteico tipico dell’infiammazione: il dolore cronico nel tendine e nei tessuti circostanti è mediato dal Glutammato e da altre vie non-prostaglandiniche, in altre parole non è infiammatorio!

La neo-vascolarizzazione è invece una peculiare di un tendine degenerato sintomatico, indice quindi di disfunzione e non di guarigione.

Questi cambiamenti tissutali e le vie dolorifiche utilizzate non sono quindi qualificanti una tendinite; al contrario, questi eventi sono più specificatamente riferiti a tendinosi o tendinopatia.

Tendinopatia: condizione clinica generica che riguarda tendini e zone immediatamente vicine.

Tendinite: processo infiammatorio, che viene definito anche più correttamente peritendinite perché in effetti riguarda il peritenonio.

Tendinosi patologia degenerativa cronica che colpisce chi continua a sottoporre a sforzi eccessivi i tendini la cui funzionalità è già compromessa.

 

Principi generali per l’uso di antinfiammatori Steroidei e FANS in caso di tendinite

Nonostante il loro largo uso, c’è pochissima evidenza a supporto dell’utilizzo dei FANS nel trattamento di lesioni croniche tendinee. Molti pazienti sono inconsapevoli dei rischi dell’uso prolungato di Farmaci Antinfiammatori Non Steroidei (FANS), tra i quali

  • tossicità gastrointestinale;
  • danni renali;
  • un aumentato rischio cardiovascolare.

La lunga durata della tendinopatia cronica potrebbe quindi incrementare il tasso di effetti collaterali dall’uso prolungato di FANS.

Per le tendinopatie croniche non-infiammatorie degenerative (tendinosi) l’iniezione di corticosteroidi potrebbe portare a breve termine ad una riduzione del dolore. Ad ogni modo non c’è evidenza ne per un sollievo dal dolore nel lungo periodo ne per un ritorno funzionale “pain-free” dato da simili iniezioni.
Addirittura è stato notato che l’uso di steroidi è in grado di predisporre il tendine a rottura, in modo particolare per i tendini rotuleo e achilleo.

Risulta ovvio quindi che in caso di tendinopatie croniche (sintomi da più di 6 settimane) l’uso di cortisone dovrebbe essere concesso solamente in maniera occasionale e con l’obiettivo principale di creare delle piccole “finestre” di assenza di dolore per permettere al paziente di intraprendere la riabilitazione specifica.

 

A cura di Matteo Pinelli

Ti è piaciuto? Condividilo...
0
Ti è piaciuto? Condividilo...
0